Il mobilificio Former di Cantù acquisito dai cinesi di Oppein

La lombarda Former entra nell’orbita del colosso cinese dell’arredamento Oppein. L’azienda di Cantù fondata nel 1967 passerà al gruppo del Dragone per 4,6 milioni di euro. Si tratta della prima operazione di acquisizione da parte di una società cinese in Italia da mesi, nell’ambito del quale Oppein è stata assistita da D’Andrea & Partner Legal Counsel.

Fondata nel 1994, è oggi quotata in borsa e le viene riconosciuto il ruolo di maggior produttore di mobili a livello mondiale. La sua produzione spazia dagli arredi per la zona giorno alla zona notte, includendo cucine, armadi e complementi. Il gruppo vanta un giro d’affari di 20 miliardi di yuan, quasi 3 miliardi di dollari, e oltre 7.000 negozi in tutto il mondo, sparsi in oltre 2.800 città. Dal 2016 è attiva anche nel mercato italiano.

Former nasce nel 1967 a Cantù. Sono gli anni in cui si afferma il design italiano e l’azienda si posiziona subito come apripista. Le radici affondano in un’esperienza artigianale maturata dai primi del 1900, preservata in una produzione su scala industriale. Former ragiona secondo una logica di sistemi modulari, unendo tecnologia e bellezza, eccellenza dei materiali e ricerca.

Col nuovo assetto imprenditoriale del 2010 l’azienda potenzia la presenza nei mercati emergenti, in medio oriente e nelle maggiori città europee, per i settori residenziali e contract. L’acquisizione nel 2017 di Busnelli, leader negli imbottiti, segna l’evoluzione verso una visione globale dell’abitazione, spiega il sito della società.

This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.