Dal 1 novembre, la Cina ha introdotto un nuovo sistema per gli stranieri che lavorano in Cina. Questo sarà applicato dapprima nelle grandi città, per poi essere esteso ad altre aree. Ad aprile 2017, il sistema sarà infine applicato in tutto il Paese.

Questo sistema è chiamato “sistema a punti” e suddividerà gli stranieri che vogliono lavorare in Cina in tre categorie:

“A” per i talenti di livello alto;

“B” per i talenti “professional”;

“C” per i lavoratori non qualificati o coloro che lavorano nel settore dei servizi.

Chi soddisfa esigenze specifiche di una categoria particolare, vale a dire, per esempio, se ha ottenuto particolari riconoscimenti in alcuni settori, o se ha un eccezionale talento innovativo, sarà automaticamente classificato nella categoria A o B, altrimenti rientrerà nel sistema a punti dove questi ultimi saranno conteggiati in base alla propria istruzione, alle proprie esperienze di lavoro, e al livello di lingua cinese ecc. II permesso di lavoro sarà rilasciato secondo le diverse categorie: gli stranieri nella categoria “A” possono ottenere un permesso di lavoro senza limite, quelli della categoria B secondo la domanda del mercato, e quelli all’interno della categoria C verranno valutati in conformità alle norme vigenti.

Il nuovo sistema porterà, ne siamo certi, nuove skill nel mercato.

Per maggiori informazioni su questo argomento, scrivere a info@dandreapartners.com