E’ ormai noto che una malattia professionale è una malattia cronica, il risultato di un’esposizione prolungata a fattori di rischio derivanti dal lavoro o attività professionale. L’esempio più evidente, in Cina, è la pneumoconiosi, considerata la principale malattia professionale in questo paese. Secondo la Relazione di Xinhua News, su circa 833700 casi di malattia professionale, 750.000 sono pazienti affetti da pneumoconiosi.

Da qualche anno a questa parte e ancora di più nel prossimo futuro, il governo cinese intende rafforzare il controllo di queste patologie. Il paese incentiverà la riforma attraverso diversi metodi, tra questi, vale la pena sottolineare l’espansione del campo di applicazione dell’aiuto medico, della diagnosi e delle cure specifiche per le malattie professionali. Inoltre, le imprese più a rischio e che, potenzialmente, possono causare gravi malattie professionali, saranno eliminate qualora non riusciranno a realizzare l’innovazione tecnica necessaria per eliminare i pericoli.

Guardando alle ultime politiche sul tema, è prevedibile nonchè imminente e significativo, un massiccio intervento del governo nella formulazione di una legge specifica che miri a proteggere i diritti legali dei lavoratori, questo anche in virtù del fatto che, molte malattie professionali possono avere un lungo periodo di incubazione e non possono essere trattate in tempo.

In conclusione, il governo cinese sta investendo grandi risorse e facendo sforzi importanti sul fronte del lavoro, in particolar modo, nell’ambito della sicurezza. Per questo, sta emanando leggi e norme dettagliate per limitare e prevenire malattie professionali e proteggere il lavoratore affetto da questo tipo di patologie. Per qualunque imprenditore o manager che opera in Cina, rimanere aggiornato su questo tema è deciso.

Per farlo basta scrivere a info@dandreapartners.com o sottoscrivere la nostra newsletter.