La GST (Tassa su Beni e Servizi) è una tassa completa, a scaglioni che viene calcolata sul valore aggiunto per ogni fase della filiera, dalla produzione alla vendita finale, dove solo il consumatore dovrebbe sostenere la tassa, rendendola una tassa che impatta sull’utente finale.

L’attuazione della GST mira a produrre i seguenti cambiamenti: ridurre la tassazione su diversi prodotti e renderne più tassabili altri, in modo da ampliare la base della tassa ed incrementare il profitto per lo Stato ed il Governo Centrale; armonizzare la struttura delle tasse tra i differenti paesi; eliminare gli effetti indesiderati delle ridondanze e ridurre la base delle tasse generali sui beni, concentrando diverse tasse di livello centrale e statale in una sola.

Esistono 5 diverse e rilevanti tipologie di tasse che vengono applicate alle varie fasi.

Nella prima fase (Manifattura), la Excise Duty e la Central Excise Duty vengono  applicate sul produttore dal Governo Centrale.

La seconda fase (Vendita agli intermediari), che riguardera’ servizi e scambi di beni intra-statali ed inter-statali, include : Service Tax, Sales Tax, VAT  (Value Added Tax) e CST (Central State Tax).

La Service Tax e la Sales Tax sono imposte dal Governo Centrale, la VAT (IVA) è invece imposta a livello statale per le vendite all’interno dello stesso, mentre la CST è imposta dal Governo Centrale per la vendita di beni fra stati diversi.

Nel terzo e ultimo passaggio (vendita al consumatore finale), che include l’importazione ed esportazione delle merci, il Governo Centrale impone dazi doganali nonchè Entry Tax e Entertainment Taxes, in particolare: CVD doganale (dazio sul controvalore), SAD doganale (Special additional duty), Central Additional import Duty (dazio di compensazione).

La GST, può essere divisa in tre diverse tipologie di Tasse sui Beni e Servizi applicabili: CGST, richiesta dal Governo centrale, SGST che verrà applicata dai governi statali per le vendite tra stati, IGST che è destinata alle casse dal Governo Centrale per le vendite fra stati diversi.

Quali sono dunque i benefici del GST? La riduzione del numero di imposte; l’uniformità nella struttura e nei tassi; la neutralità a livello fiscale del commercio all’interno del Paese, a prescindere dal luogo in cui viene effettuato; la mitigazione della tassazione e della doppia imposizione fiscale; l’approvvigionamento da rivenditori che non impongono tassazione; l’idoneità al credito per gli acquisti intra-stati; credito GST corrisposto a tutti i produttori, commercianti e fornitori di servizi.

Per saperne di più, scrivici a:info@dandreapartners.com