Introduzione

Negli ultimi 5 anni, il grafico dell’India sulla firma degli accordi commerciali è in crescita. Gli accordi di libero scambio e gli accordi di corporazione e partenariato economico sono concepiti e stilati in modo da favorire i Paesi a ridurre le barriere commerciali, eliminare le tariffe e ottenere un accesso preferenziale ai mercati globali. L’India si è guadagnata una posizione di vantaggio firmando quasi 13 accordi di libero scambio con vari Paesi, tra cui i tre importanti accordi di corporazione e partenariato di cui si parla molto: l’accordo globale di corporazione e partenariato economico India-Mauritius (CECPA), l’accordo globale di partenariato India-UAE (CEPA) e l’accordo di cooperazione economica e commerciale India-Australia (IndAus ECTA). Oltre a questi vari partenariati economici globali, l’India è anche in fase di negoziazione avanzata di un accordo di libero scambio con l’Unione Europea (UE) dopo un lungo intervallo di 8 anni, che contribuirà immancabilmente a scoprire il significativo potenziale non sfruttato per incrementare i legami economici tra le due regioni. Allo stesso modo, l’India ha avviato colloqui con il governo del Regno Unito per la firma di un accordo di libero scambio; attualmente, entrambi i Paesi sono attivamente coinvolti nei negoziati e si prevede che l’accordo sarà firmato entro un paio di mesi.

La Questione

Parlando di accordi commerciali e di accordi di corporazione e partenariato economico, vediamo le caratteristiche peculiari dei 3 principali accordi di partenariato commerciale.

  • Accordo globale di corporazione e partenariato economico India-Mauritius (CECPA)

L’accordo è entrato in vigore il 1° aprile 2021 ed è la prima volta che l’India firma un accordo commerciale con un Paese africano per sostenere e sviluppare un partenariato strategico tra India e Africa.

In base all’accordo, le esportazioni di oltre 615 prodotti dalle Mauritius beneficeranno della liberalizzazione tariffaria, 376 prodotti beneficeranno dell’accesso in esenzione doganale, 127 prodotti (zucchero, rum, frutta, vino, tra gli altri) beneficeranno di tariffe ridotte e 112 prodotti beneficeranno di tariffe ridotte nell’ambito di un sistema di contingenti tariffari (TRQ). Questi TRQ includono 7,5 milioni di pezzi di abbigliamento e 7000 tonnellate di tonno in scatola che entreranno nel mercato indiano in esenzione doganale.

L’India ha inoltre accettato di garantire l’accesso al mercato dei servizi mauriziani in circa 95 sottosettori, tra cui i servizi professionali, commerciali e finanziari e i servizi di telecomunicazione.

Con l’accordo commerciale firmato tra India e Mauritius, entrambi i Paesi beneficeranno di una generosa politica fiscale e di un programma completo di facilitazione commerciale specificamente progettato per migliorare il commercio e la cooperazione tra le due nazioni.

Un altro accordo commerciale molto significativo firmato dall’India, che ha conquistato un ruolo centrale nel partenariato di cooperazione, è l’accordo con gli Emirati Arabi Uniti.

  • Accordo di partenariato globale India-UAE (CEPA).

Gli EAU sono attualmente il terzo partner commerciale dell’India e la seconda destinazione delle esportazioni dopo gli Stati Uniti. Mentre l’India è il secondo partner commerciale degli EAU e il più grande in termini di esportazioni. Un accordo era quindi essenziale per rafforzare la partnership e strutturare la cooperazione tra i due Paesi. L’accordo di riferimento è stato firmato il 18 febbraio 2022 ed è entrato in vigore il 1° maggio 2022.

L’obiettivo principale dell’accordo è quello di aumentare il commercio non petrolifero tra i due Paesi a 100 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni. Si prevede che questo accordo andrà a beneficio di circa 26 miliardi di dollari di prodotti indiani che sono soggetti a dazi d’importazione del 5% da parte degli EAU. Inoltre, gli EAU rimuoveranno le tariffe doganali su quasi l’80% delle merci, che rappresentano il 90% delle esportazioni indiane verso la nazione del Golfo in termini di valore. L’India si aspetta che il CEPA crei 10.000 posti di lavoro in settori ad alta intensità di manodopera come il tessile, le gemme e i gioielli, il cuoio, le calzature, i prodotti farmaceutici e agricoli, i dispositivi medici, gli articoli sportivi e le automobili. Oltre ai beni, il CEPA copre anche 11 settori di servizi e oltre 100 sottosettori, tra cui servizi alle imprese, telecomunicazioni, edilizia, istruzione, turismo, assistenza, finanza e molti altri.

Infine, un altro importante accordo commerciale bilaterale è entrato in vigore dopo essere stato sospeso nel 2015. Questo accordo bilaterale è un accordo interinale di cooperazione economica e commerciale (ECTA) che è stato firmato dall’India e dall’Australia il 2 aprile 2022 e si prevede che un accordo globale di cooperazione economica (CECA) sarà firmato entro la fine del 2022.

  • Accordo di cooperazione economica e commerciale India-Australia (IndAus ECTA).

Con il suo primo accordo commerciale bilaterale stipulato con un Paese sviluppato nell’ultimo decennio, l’India intende promuovere la crescita e lo sviluppo e rafforzare l’equazione commerciale di recente formazione tra India e Australia. Questo accordo intermedio giunge in un momento opportuno in cui la dinamica commerciale tra i due Paesi è in crescita.

L’Australia intende fare dell’India uno dei suoi tre principali mercati di esportazione entro il 2035 e il terzo in Asia per gli investimenti australiani.

I governi di entrambi i Paesi prevedono che il commercio di beni raddoppierà in cinque anni (dopo l’attuazione dell’accordo), raggiungendo i 50 miliardi di dollari.

L’India può importare carbone dall’Australia a un prezzo molto più basso, che costituisce circa il 70% delle importazioni indiane dall’Australia e che è soggetto a un dazio del 2,5%

Conclusione

Quasi dopo 8-9 anni, l’India sta cercando di concludere accordi commerciali bilaterali con molti Paesi. Questi accordi dovrebbero riguardare una serie di prodotti e servizi, dai prodotti tessili agli alcolici, dalle automobili ai prodotti farmaceutici, oltre a temi come la circolazione dei lavoratori, l’applicazione della proprietà intellettuale e la protezione dei dati.

Questi accordi commerciali presentano una notevole quantità di ostacoli, in quanto i produttori indiani non sono stati in grado di sfruttare appieno il potenziale del commercio preferenziale di beni. Tuttavia, l’entità dei benefici finali dipenderà dallo stato della futura competitività delle esportazioni create dalle industrie indiane.