Si sta diffondendo sempre di piu’ negli ultimi tempi l’usanza di creare i cosiddetti stickers, ovvero immagini, con o senza testo, per esprimere reazioni, sentimenti, stati d’animo. Gli stickers, solitamente, vengono creati riproducendo fotogrammi di film o di programmi televisivi, ma anche riprendendo fotografie o immagini diffuse da persone comuni, sia gratuite che a pagamento.

I suddetti stickers dovrebbero essere utilizzati nel rispetto delle norme vigenti, per evitare di incorrere nel rischio di violare i diritti dei soggetti in essi rappresentati. I rischi maggiori riguardano i seguenti diritti:

Il diritto di immagine. Tale diritto tutela immagini, fotogrammi, vignette riferibili a specifiche persone, senza rilevare il fatto che queste siano o meno delle celebrita’. Tale diritto puo’ essere legittimamente esercitato solo con il consenso della parte interessata.

Il Copyright. E’ elevato il rischio di violare il copyright relativo alle opera filmografiche e televisive. Il Copyright include, tra gli altri, il diritto alla pubblicazione, il diritto di autore, il diritto di modifica, il diritto all’integrita’, etc. Gli stickers possono essere creati riprendendo opere filmografiche e televisive solo previo consenso sia del titolare del diritto di immagine sia del titolare del Copyright.

Il diritto alla reputazione. Stando a quanto affermato da importanti interpretazioni giurisprudenziali, il diritto alla reputazione e’ violato quando alla riproduzione di un fotogramma o simili viene aggiunta una frase offensiva o viene alterata l’immagine riprodotta, causando conseguenze negative e spiacevoli nei confronti della persona in essa rappresentata.

Dunque, gli stickers possono essere legittimamente creati e diffusi quando:

  1. E’ stato ottenuto il consenso della persona interessata;
  2. L’utilizzo non ha scopi lucrativi;
  3. Non contengono materiale diffamatorio.

E’ pertanto consigliabile effettuare le relative valutazioni prima della creazione e della diffusione degli stickers.

Per maggiori informazioni, non esitare a contattare i nostri esperti a info@dandreapartners.com