A. Scenario
Il settore manifatturiero indiano è uno dei settori chiave dell’economia Indiana. Questo settore attualmente contribuisce al 16-17% del PIL Indiano e garantisce occupazione a circa il 12% della forza lavoro del paese [1]. Entro il 2022, il governo Indiano vorrebbe raggiungere una quota del PIL del 25% e creare 100 milioni di nuovi posti di lavoro [2].

Negli ultimi 5 anni, il governo indiano ha introdotto una serie di riforme per stimolare lo sviluppo del settore manifatturiero Indiano. Il continuo sostegno alle politiche, l’elevato potenziale di domanda, il sostegno del governo al miglioramento delle infrastrutture, le agevolazioni per gli IDE, le politiche specifiche del settore, gli incentivi e i sussidi hanno contribuito a far sì che un numero maggiore di stranieri abbia investito. In questo articolo, analizziamo i fattori chiave che contribuiscono alla crescita del settore manifatturiero indiano.

B. Fattori di crescita
I. Domanda attiva: entro il 2030, la classe media indiana dovrebbe avere la seconda quota più grande del consumo globale con il 17% [3]. La popolazione complessiva dell’India insieme alla classe media in rapida crescita, crea un enorme mercato per il consumo di prodotti fabbricati in India.

II. Iniziative governative: negli ultimi 5 anni, il governo indiano ha introdotto diverse iniziative, come il “Make in India”, “National Manufacturing Policy” e “Skill India” con l’intento di fare dell’India il centro di produzione globale. L’iniziativa “Make in India” è stata la più rilevante. Diverse riforme politiche sono state introdotte in seguito all’Iniziativa “Make in India”, come la storica riforma fiscale della “tassa sui beni e servizi”, la spinta alla digitalizzazione in cui dalla dichiarazione delle tasse al processo in relazione alla costituzione di una società trasferita online e lo storico Codice fallimentare 2016 .

III. Politica sugli investimenti diretti esteri (IDE): nell’ottobre 2020, Tata Group ha annunciato l’intenzione di investire 673,2 milioni di USD per avviare un impianto di produzione di componenti per telefoni Apple a Hosur, Tamil Nadu. Inoltre, il governo indiano ha approvato cinque centri internazionali di produzione di componenti elettronici di aziende come Foxconn, Wistron, Pegatron, Samsung e Rising Star per avviare una produzione per un valore di 122,5 miliardi di USD nei prossimi cinque anni. Questi investimenti sono stati il risultato della politica degli IDE dell’India che consente al 100% degli IDE una procedura standard (ovvero senza l’approvazione preventiva del governo) per la creazione di unità di produzione nella maggior parte dei settori.

IV. Vantaggi fiscali: nel settembre 2019, il governo Indiano ha ridotto l’aliquota base dell’imposta sul reddito delle società dal 25% al 15% per le nuove imprese manifatturiere costituite dopo il 1 ° ottobre 2019 e che iniziano le attività prima del 31 marzo 2023. Questo cambiamento nella politica fiscale rende l’India una delle destinazioni di investimento più competitive rispetto ad altri paesi asiatici.

V. Misure post pandemia: la diffusione della pandemia in Cina ha avuto un grave impatto sulla catena di fornitura di molte multinazionali, portando molte aziende a riconsiderare la propria dipendenza dalla Cina, in particolare, la loro catena di fornitura e la strategia di produzione. Il basso costo del lavoro insieme a una forza lavoro altamente qualificata può portare molte aziende multinazionali a valutare l’India come destinazione alternativa. Per fare dell’India il prossimo hub manifatturiero, il governo Indiano ha approvato diverse politiche per aumentare gli investimenti nei settori MSME, produzione a contratto, produzione elettronica e della difesa. Inoltre, il governo ha scelto 10 settori come aree di interesse per la promozione della produzione che includono elettricità, prodotti farmaceutici, dispositivi medici, elettronica, ingegneria pesante, apparecchiature solari, lavorazione alimentare, prodotti chimici e tessili.

C. Conclusione
Una delle più grandi economie del mondo con un enorme mercato interno, risorse abbondanti, una forza lavoro giovane e qualificata rende l’India uno dei poli manifatturieri più attraenti al mondo. Le questioni relative all’acquisizione di terreni, allo sviluppo di infrastrutture e logistica potrebbero essere alcune delle sfide che gli investitori stranieri potrebbero dover affrontare nei mercati Indiani. Tuttavia, con le riforme politiche introdotte dal governo negli ultimi tempi, speriamo che queste sfide vengano superate e che la facilità di fare affari in India migliori in modo significativo, rendendo l’India una terra dalle opportunità illimitate.
Noi di D’Andrea and Partners Legal Counsel possiamo contare su un team di esperti per aiutarti a stabilire operazioni commerciali in India. Contattaci ad info@dandreapartners.com per qualsiasi domanda o assistenza

[1]https://www.cii.in/sectors.aspx?enc=prvePUj2bdMtgTmvPwvisYH+5EnGjyGXO9hLECvTuNsfVm32+poFSr33jmZ/rN+5

[2] https://www.ibef.org/download/Manufacturing-November-2020.pdf

[3] https://www.ibef.org/download/Manufacturing-November-2020.pdf