Un famoso detto cinese recita: “Non lasciare che il tuo credito scivoli nel nuovo anno”. Cio’ significa che, prima dello Spring Festival, tutti i debiti ed i crediti devono essere liquidati, altrimenti la cattiva sorte seguira’ il creditore o il debitore per tutto l’anno. Dal momento che il 2017 volge al termine e lo Spring Festival si avvicina, con quest’articolo vi introduciamo alcune modalita’ di cui si potrebbe disporre per riscuotere i propri debiti.

  1. Via Stragiudiziale

Oltre i messaggi, le mail e i messaggi via WeChat, si puo’ procedere a:

LETTERA PER LA RISCOSSIONE DEI DEBITI: Qualora mail e messaggi non dovessero portare al risultato atteso, e’ possibile intraprendere una strada piu’ formale, come la lettera per la riscossione del pagamento o la lettera di reclamo del pagamento inviata dal creditore al debitore, che deve contenere una chiara descrizione del debito. Si consiglia, inoltre, di spedire la lettera tramite corriere e di conservare la ricevuta.

LETTERA DELL’AVVOCATO: Qualora la controparte, dopo aver ricevuto la lettera di reclamo, continuasse a rifiutare l’adempimento della propria obbligazione, e’ possibile contattare uno studio legale affinche’ proceda con l’invio al debitore di una richiesta formale di adempimento sottoscritta dall’avvocato stesso, idonea tra l’altro anche ad interrompere la prescrizione.

  1. Via Giudiziale

Se tutti i suddetti rimedi si rivelano infruttuosi, purtroppo, e’ il caso di avviare una causa per riscuotere il proprio debito.

DECRETO INGIUNTIVO: E’ il documento legale emesso dalla Corte su richiesta del creditore che serve a sollecitare il debitore ad adempiere. Pro: bassi costi, il processo giudiziale non e’ obbligatorio, se il debitore non adempie nei termini indicati dal provvedimento il creditore puo’ avviare l’esecuzione forzata. Contro: puo’ essere richiesto solo se non ci sono altri procedimenti pendenti tra le parti e se la domanda e’ debitamente presentata, se il debitore solleva opposizione il giudice tendera’ a chiudere il procedimento ingiuntivo. A causa del limitato valore pratico, non e’ un procedimento molto utilizzato.

CAUSA O ARBITRATO: La causa e’ una pratica comune in queste circostanze e consiste nell’incaricare un avvocato a depositare istanza, prove, etc., per chiedere un provvedimento finale vincolante (sentenza o lodo). Premettiamo che l’Arbitrato e’ un rimedio esperibile solo ove sia scelto dalle parti tramite accordo o clausola compromissoria. L’arbitrato e’ un metodo alternativo di risoluzione delle controversie molto utilizzato in ambito commerciale.

SEQUESTRO CONSERVATIVO: Per tutelare il piu’ possibile il proprio credito, si puo’ procedere contro il debitore congelando i suoi conti correnti bancari, iscrivendo ipoteca sui suoi beni immobili e chiedendo il sequestro dei suoi beni mobili. Lo scopo del sequestro conservativo e’ quello di evitare che il debitore disponga del proprio patrimonio. Nella pratica il sequestro conservativo e’ considerato il procedimento piu’ funzionale per il recupero crediti.

PROCEDIMENTO ESECUTIVO: Avere una sentenza che accerti l’esistenza del credito non sempre e’ sufficiente a garantire la soddisfazione di questo. Infatti, se il debitore continua a non adempiere, sara’ necessario avviare un procedimento esecutivo. Se il sequestro conservativo e’ stato richiesto nel modo giusto e nel rispetto delle tempistiche, si hanno maggiori probabilita’ che la fase esecutiva vada a buon fine.

Tuttavia, dal momento che le procedure potrebbero risultare molto complicate, puo’ essere necessario farsi assistere da esperti avvocati nella scelta della modalita’ migliore per ottenere la soddisfazione del proprio credito. Qualora necessitiate di maggiori informazioni, non esitate a contattare i nostri esperti scrivendo a info@dandreapartners.com.