Le leggi anticorruzione in India hanno subito un cambiamento significativo negli ultimi tempi con una presa di posizione dura da parte del governo in carica. Sono state implementate diverse legislazioni come il Lokpal e Lokayukta Act, 2013 per indagare e perseguire casi di corruzione di funzionari pubblici. Inoltre, sono state apportate modifiche significative alle legislazioni esistenti come il Prevention of Corruption Act, 1988 (PCA) nel 2018, Foreign Contribution Regulation Act, 1976 nel 2020.

Ratificando le convenzioni internazionali, il governo ha mostrato un grande livello di impegno nella lotta alla corruzione e una disponibilità a collaborare con le controparti di altre giurisdizioni per affrontare i problemi della corruzione. In questa campagna sono aiutati dalla stretta osservazione dei tribunali indiani come la Corte Suprema, che riconosce il principio della responsabilità penale delle imprese in India.

Attualmente, l’India è stata classificata all’80° posizione tra 180 paesi e territori nell’indice di percezione della corruzione (CPI) preparato da Transparency International. Il CPI, pubblicato durante il WEF 2020, classifica 180 paesi e territori in base ai livelli percepiti di corruzione nel settore pubblico, secondo opinioni di esperti e uomini d’affari.

La questione della corruzione può essere classificata in due categorie: corruzione pubblica, che può essere definita come “la promessa, l’offerta, la concessione a un pubblico ufficiale, direttamente o indirettamente, di un indebito vantaggio, per il funzionario stesso o per un’altra persona o ente, in modo che l’atto d’ufficio o l’astensione dall’agire nell’esercizio delle sue funzioni d’ufficio) e la corruzione privata, che può essere definita come “la promessa, offerta o concessione di un indebito vantaggio ad un soggetto privato”. Il quadro normativo dell’India viene analizzato tenendo presente per affrontare i suddetti problemi di corruzione.

Quadro giuridico normativo

Per regolare la condotta dei pubblici ufficiali e per affrontare il problema della corruzione pubblica, sono in vigore le seguenti legislazioni: il Lokpal (difensore civico indipendente) per indagare e perseguire i dipendenti pubblici, compresi i ministri per la corruzione. Prevention of Corruption Act, 1988 (PCA), Center Civil Services (Conduct) Rules 1964, All India Services (Conduct) Rules 1968, Central Vigilance Commissions, 2003; Legge Lokpal e Lokayuktas, 2013.

Sono state apportate modifiche al PCA, 1988. Originariamente i precedenti procedimenti giudiziari e le sanzioni erano diretti solo nei confronti di funzionari pubblici che ricevevano e accettavano tangenti. Ora, il pagamento di una tangente a funzionari pubblici è stato incluso come reato distinto, aprendo la possibilità di perseguire direttamente i corruttori. Inoltre, alle agenzie investigative sono stati concessi poteri più ampi per indagare e perseguire direttamente una società ed il suo direttore, amministratori e altri funzionari che hanno acconsentito o partecipato alla commissione di tali reati.

I regolamenti in materia di corruzione privata hanno ad oggetto (i) individui ed imprese con reddito non dichiarato sia in India che all’estero; (ii) evasori fiscali e indagati che fuggono per eludere l’azione giudiziaria, ai sensi della Legislazione relativa al Denaro Nero (reddito e patrimonio estero non dichiarato) e Legge sull’imposizione fiscale , 2015 e Legge sui latitanti per reati economici, 2018.

Mentre i regolamenti riguardanti società (sia nazionali che estere), fanno riferimento alla Legge sulle società, 2013 con una forte attenzione alla corporate governance.

Per la regolamentazione dei contributi esteri, invece, il Foreign Contribution Regulation Act, 1976 è stato recentemente modificato con l’obiettivo di migliorare la trasparenza e la responsabilità nella ricezione dei contributi esteri, in vigore dal 29 settembre 2020. L’emendamento è stato notificato a seguito di un’austera azione del governo che sospende licenze di alcune organizzazioni non governative (ONG) per mancata tenuta di conti regolari e mancata presentazione di dichiarazioni annuali.

Leggi anticorruzione per le multinazionali

Le società indiane che sono filiali di multinazionali straniere devono rispettare le rigide leggi anticorruzione o anticorruzione degli Stati Uniti e del Regno Unito ed essere conformi alle leggi applicabili nella giurisdizione della sede della società madre. La conformità alle leggi applicabili è obbligatoria per le filiali indiane e deve seguire obbligatoriamente le politiche e il quadro anticorruzione imposti dalle loro controparti globali. Il Foreign Corrupt Practices ACT (FCPA), 1977 vieta espressamente il pagamento di tangenti a funzionari stranieri a favore dell’ottenimento o del mantenimento di affari dall’estero. Le violazioni dell’FCPA possono comportare un numero significativo di sanzioni.

Panoramica delle questioni transfrontaliere e della responsabilità aziendale delle società

L’India ha ratificato le Convenzioni delle Nazioni Unite contro la corruzione (UNAC) e le Convenzioni delle Nazioni Unite contro i crimini transnazionali e le tre convenzioni relative, le corrispondenti modifiche sono state introdotte nell’APC nel 2018 per allineare l’India agli obblighi internazionali. Sia PCA che FCRA riconoscono il principio della responsabilità penale aziendale delle organizzazioni commerciali. Il PCA e il quadro legislativo esistente, con le sue recenti riforme, sono considerati adeguati per affrontare il problema della corruzione in India, per ora. Tuttavia, per combattere il male della corruzione, si raccomanda un forte rispetto del suddetto quadro normativo.