Introduzione

L’industria della plastica in India è stata avviata già nel 1957 e da allora si è sviluppata in modo costante e significativo. L’India rappresenta uno dei principali esportatori di prodotti in plastica a livello mondiale. L’industria in questione produce ed esporta una varietà di materie prime, laminati, accessori elettronici, materiale medico e beni di consumo. Tali prodotti plastici vengono esportati in oltre 150 Paesi, soprattutto in Europa, Africa e Asia. Negli ultimi anni, la domanda di prodotti in plastica è aumentata vertiginosamente e, prima del divieto imposto dal governo, l’industria plastica indiana ha registrato una crescita esponenziale del 13% annuo. Anche la domanda interna e il tasso di consumo di plastica e prodotti affini sono saliti al 16%. Nonostante la popolazione indiana e il tasso di disoccupazione, l’industria plastica indiana aveva affrontato problematiche relative alla carenza di manodopera. Ciò ha comportato un aumento degli investimenti in tecnologie di produzione, come ad esempio l’automazione e i sistemi a nastro trasportatore. 

I Dati:

Secondo il “Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente”, ogni anno il mondo aggiunge 300 milioni di tonnellate di rifiuti plastici al cumulo già esistente di circa 7 miliardi di tonnellate. 

Si stima che ogni anno 11 milioni di tonnellate di plastica pervengano negli oceani del mondo e, senza un repentino cambio di rotta, questo numero è destinato ad aumentare fino a 23-37 milioni di tonnellate entro il 2040.

Le statistiche dicono che circa il 60% dei rifiuti di plastica in India viene raccolto, il che significa che il restante 40%, ovvero 10.376 tonnellate, non viene raccolto. La causa più comune per cui i rifiuti di plastica sfuggono al percorso di riutilizzo/riciclaggio è l’ignoranza. È giunto il momento di decidere come gestire i rifiuti di plastica ed è essenziale conoscere i tipi di rifiuti di plastica prodotti.

Il Cambiamento:

Nel giugno 2018, il Primo Ministro indiano ha annunciato che il Paese eliminerà tutti gli articoli in plastica monouso (SUP) entro la fine del 2022.

Per rendere effettivo quanto sopra, il Ministero indiano dell’Ambiente, delle Foreste e dei Cambiamenti Climatici (MOEFCC) ha apportato modifiche alle Regole per la gestione dei rifiuti di plastica del 2016 per accelerare l’eliminazione della plastica monouso, promuovere alternative e stabilire anche linee guida sulla responsabilità estesa del produttore (EPR) per gli imballaggi di plastica. La bozza dell’emendamento è stata pubblicata ed è rimasta aperta per un periodo di 60 giorni per i commenti pubblici, a seguito dei quali il governo indiano ha approvato le “Norme sulla gestione dei rifiuti di plastica (modifica)” del 2022.

La prima norma prevede che i sacchetti da asporto in plastica non tessuta debbano avere uno spessore minimo di 75 micron entro il 30 settembre 2021 e di 120 micron entro il 31 dicembre 2022. I sacchetti più spessi hanno lo scopo di incoraggiare il riutilizzo.

Il governo indiano ha inoltre vietato l’uso di alcuni articoli di plastica monouso a partire dal 1° luglio 2022. Secondo la comunicazione in Gazzetta ufficiale, il MOEFCC ha vietato la produzione, l’importazione, lo stoccaggio, la distribuzione, la vendita e l’uso dei seguenti prodotti di plastica monouso, tra cui il polistirene e il polistirene espanso, in modo graduale. A partire dal 1° luglio 2022 saranno vietati prodotti di piccole dimensioni come auricolari, articoli a contatto con gli alimenti come bastoncini per caramelle e gelati, bastoncini di plastica per palloncini, bandiere di plastica, bastoncini per caramelle, bastoncini per gelati, polistirolo termico per decorazioni, piatti, tazze, posate, cannucce, vassoi, agitatori e alcune pellicole da imballaggio. Mentre le pellicole da imballaggio, i pacchetti di sigarette e i banner in PVC con uno spessore inferiore a 100 micron saranno vietati nella fase successiva. Tuttavia, le nuove disposizioni non si applicano agli articoli in plastica compostabile.

Inoltre, il governo ha annunciato anche le linee guida per l’EPR, in base alle quali i rifiuti di imballaggi plastici che non rientrano nell’eliminazione graduale degli articoli in plastica monouso identificati dovranno essere raccolti e gestiti in modo sostenibile per l’ambiente dopo che il consumatore li ha utilizzati e sarà responsabilità del produttore, del fabbricante, dell’importatore e del proprietario del marchio gestirli in modo efficace secondo le norme stabilite dalle Norme sulla gestione dei rifiuti di plastica del 2016. Il governo ha inoltre chiesto agli Stati e ai territori dell’India di costituire una task force speciale per l’eliminazione della plastica monouso e l’effettiva attuazione delle norme sulla gestione dei rifiuti di plastica del 2016. Il MOEFCC ha anche costituito una “Task Force di livello nazionale” per intraprendere azioni con l’obiettivo comune di eliminare gli articoli di plastica monouso identificati.

Il lato negativo

Molti organismi industriali, come la Federazione delle Camere di Commercio e dell’Industria indiane (FICCI), hanno espresso forti preoccupazioni. Un divieto generalizzato sulla plastica monouso avrebbe effetti multifattoriali sull’industria e porterebbe a un aumento del prezzo della maggior parte dei prodotti di largo consumo. Secondo le statistiche, il divieto generalizzato colpirebbe il segmento dell’industria manifatturiera della plastica per oltre 6,89 miliardi di dollari, mentre l’industria alimentare subirebbe una perdita di entrate pari a 11,70 miliardi di dollari. Si stima che 1,3 milioni di dipendenti di 10.000 aziende potrebbe perdere immediatamente il posto di lavoro. Pertanto, al fine di evitare i danni causati dal divieto generalizzato, il governo ha deciso di essere cauto e di eliminare gradualmente la plastica monouso.

Conclusione

L’India ha lanciato molte iniziative per affrontare il problema dei rifiuti di plastica quali: Swachh Bharat Abhiyan, India Plastic Pact, Project REPLAN, Un-Plastic collective and Go-litter Partnership Projects. È evidente che un divieto generalizzato non impedirà ai produttori di produrre prodotti di plastica monouso. È essenziale trovare sostituti per la plastica usa-e-getta e garantire mezzi di sostentamento alternativi per i produttori, i raccoglitori di rifiuti e altri gruppi coinvolti nell’attività.

Nell’ambito della politica EPR e sostenibile è necessario migliorare la quantità di plastica raccolta e riciclata, il che significa regolamentare i produttori e chiedere loro di indicare chiaramente il tipo di plastica utilizzata in un prodotto, in modo che possa essere riciclato in modo appropriato. Oltre a migliorare la riciclabilità, una priorità dovrebbe essere investire nella ricerca e nello sviluppo di alternative. Il governo deve imporre multe per chi non rispetta le linee guida e incentivare i produttori a passare a prodotti più sostenibili. Oltre a un monitoraggio adeguato, è molto importante promuovere un consumo responsabile.

A marzo, l’India ha dichiarato di essere sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi sul cambiamento climatico previsti dall’Accordo di Parigi e ha aggiunto di essersi impegnata volontariamente a ridurre l’intensità delle emissioni di gas serra del PIL dal 33% al 35% entro il 2030.