Introduzione
Il 21 marzo, il Consiglio dell’Unione Europea (attualmente sotto la presidenza della Francia) ha approvato formalmente la Bussola Strategica, che in origine era il primissimo Libro Bianco dell’UE sulla difesa, la cui bozza fu presentata per la prima volta ai ministri della difesa dell’UE il 15 novembre 2021 dall’Alto Rappresentante/Vicepresidente Josep Borrell. Nella sua forma attuale, la Bussola Strategica è l’ultima iterazione di una politica di sicurezza e difesa comune europea, che fornisce all’Unione Europea un piano ambizioso per rafforzare la politica di sicurezza e difesa dell’UE entro il 2030.

In generale, il piano cerca di incoraggiare una maggiore cooperazione tra i militari degli stati membri e di permettere all’UE di rispondere agli incidenti internazionali in modo indipendente.

La bussola strategica: I dettagli

La Bussola Strategica porterà alla creazione in favore dell’UE di una capacità coordinata di spiegamento rapido di un massimo di 5.000 truppe, rappresentando un’evoluzione dell’iniziativa “Gruppi tattici“ dell’UE di 1.500 truppe, che devono ancora essere schierate.

La Capacità di spiegamento rapido sarà più flessibile rispetto a prima e potrà quindi essere dispiegata in una gamma molto più ampia di scenari ed è destinata a raggiungere la piena capacità operativa entro il 2025. La Germania ha accettato di fornire il nucleo delle truppe per la Capacità di spiegamento rapido per il suo primo anno, mentre si prevede che le truppe di diversi stati dell’UE ruoteranno in funzione, senza un’unità o una base operativa specifica per la forza al momento.

Inoltre, i contenuti della Bussola Strategica permetteranno esercitazioni dal vivo più regolari sulla terraferma e in mare, un aumento sostanziale delle spese di difesa degli stati membri per ridurre le lacune militari e investimenti più forti nella ricerca e sviluppo nel campo della difesa e valutazioni più regolari delle minacce e una cooperazione più profonda con gli alleati. Anche la politica di difesa informatica dell’UE sarà dotata di maggiori risorse per contrastare gli attacchi cibernetici e sarà creato un “pacchetto di strumenti ibrido” per rispondere alle minacce ibride (per esempio disinformazione, crisi dei rifugiati).

Vale la pena notare che una strategia di difesa più coordinata nell’Unione Europea era già stata tentata nel 2016, nota come “Piano di implementazione sulla sicurezza e la difesa”, la cui approvazione non si è tuttavia concretizzata.

La bussola strategica e la NATO

Come delineato, la Bussola Strategica fornisce all’UE la capacità di agire da sola sulla scena internazionale senza l’aiuto della NATO, ma all’interno dei capitoli del Libro Bianco, sottolinea anche una maggiore cooperazione con la NATO (con 21 dei 27 stati membri dell’UE appartenenti all’alleanza militare) dove i loro obiettivi si allineano, così come con le Nazioni Unite, ma anche tra l’UE e altre organizzazioni regionali e a livello bilaterale.

 

Conclusione

Con la Bussola Strategica, l’UE ha avuto la possibilità di costruire una forza di difesa congiunta e di mettere in comune le proprie risorse strategiche, un obiettivo che il blocco commerciale ha cercato di raggiungere per quasi due decenni. Anche se tutti i 27 stati membri dell’UE non si uniscono all’iniziativa, un piccolo gruppo di membri volenterosi potrebbe comunque realisticamente svolgere una missione militare per conto dell’UE, con la Commissione Europea che ora dovrebbe presentare nuove politiche sull’aumento della spesa per la difesa e un migliore coordinamento degli investimenti in nuove tecnologie militari.