Il 31 dicembre 2020, il Tribunale Intermedio del Popolo di Hangzhou ha emesso la sentenza di primo grado decidendo la controversia relativa alla responsabilità per false dichiarazioni promossa da 487 investitori nei confronti di Wuyang Construction Group Co., Ltd .., Chen Zhizhang, Debang Securities Co., Ltd. , PKF Daxin Certified Public Accountants LLP (Special General Partnership), Allbright Law Offices (Special General Partnership) e Dagong Global Credit Rating Co., Ltd. (“Wuyang Bonds Case”), affermando che Chen Zhizhang, Debang Securities e PKF Daxin sono responsabili in solido per l’oggetto dell’azione di 740 milioni di RMB (senza interessi maturati), mentre Dagong Global è responsabile in solido per il risarcimento nella misura del 10% e Allbright nella misura del 5%. Il caso Wuyang Bonds registra il piu’ elevanto importo di un risarcimento civile per frode in titoli in Cina, il primo caso in Cina nel quale il sistema di contenzioso rappresentativo è applicato al campo delle controversie in materia di titoli, e può anche essere il primo caso in cui gli intermediari sono responsabili solidalmente.

Premesse

Wuyang Construction è stata fondata il 27 agosto 1999, nominando Chen Zhizhang come rappresentante legale, con un capitale sociale di 376,6 milioni di RMB, conosciuta anche come la “Creatrice di portaerei” di Shaoxing. Nell’agosto 2015, Wuyang Construction ha emesso l’obbligazione societaria “15 Wuyang Bonds” di 800 milioni di RMB, con la durata di 2 + 1 anno e l’opzione put degli investitori allegata alla fine del secondo anno. Un mese dopo, Wuyang Construction ha emesso l’obbligazione societaria “15 Wuyang 02” di 560 milioni di RMB nella seconda fase con la durata di 3 + 2 e l’opzione put degli investitori allegata alla fine del terzo anno. Entrambi i sottoscrittori sono Debang Securities. Nel luglio 2017, avvicinandosi al periodo di sell-back, i “15 Wuyang Bonds” si trovavano in una situazione difficile per completare il rimborso. Ad agosto, la China Securities Regulatory Commission ha iniziato a indagare su Wuyang Construction. Con la graduale esposizione alla frode delle obbligazioni Wuyang, gli investitori obbligazionari hanno ripetutamente citato in giudizio al Tribunale Intermedio del Popolo di Hangzhou dal 2019. Nel marzo 2020, il Tribunale Intermedio del Popolo di Hangzhou ha notificato agli investitori qualificati di partecipare alla registrazione. Prima dell’udienza, 496 investitori qualificati hanno presentato domanda per partecipare al contenzioso rappresentativo ed hanno eletto congiuntamente quattro investitori come rappresentanti del contenzioso. Il 4 settembre 2020 si è svolta l’udienza del caso di debito Wuyang. Il 31 dicembre 2020, la Corte Intermedia del Popolo di Hangzhou ha emesso una sentenza di primo grado sul caso.

Punto di vista degli investitori

Prima dell’entrata in vigore della nuova legge sui titoli il 1 ° marzo 2020, il procedimento sui titoli in Cina si basava principalmente sul rito ordinario indipendente e sulle norme riguardo il litisconsorzio[1]. Sebbene la Corte Suprema del Popolo (“SPC”) abbia emesso le numerose Disposizioni della Corte Suprema del Popolo sul processo dei casi di risarcimento civile derivanti dal mercato degli investimenti con false dichiarazioni nel 2003, incluso l’art.14 che esplicitamente consente il metodo del contenzioso rappresentativo, e anche l’art. 54 della Legge di Procedura Civile prevedeva disposizioni simili[2]. Tuttavia, in pratica, l’applicazione della rappresentazione ad litem in procedimenti sui titoli è stata limitata.  Pertanto, e’ stato difficile per gli investitori, in particolare i piccoli e medi investitori, difendere i propri diritti in casi di frode sui titoli. L’art. 95 della nuova Legge sui titoli, per la prima volta, prevede che gli investitori possano eleggere rappresentanti per partecipare al procedimento in materia di investimenti[3]. Il 31 luglio 2020, SPC ha ufficialmente promulgato le Disposizioni della Corte Suprema del Popolo su Diverse Questioni relative all’Azione Rappresentativa per le Controversie sui Titoli, che specificano ulteriormente le condizioni applicabili, le procedure e l’autorità del rappresentante nel campo del procedimento sui titoli, in modo da attuare formalmente il “litisconsorzio” in materia di titoli in Cina. Nel caso Wuyang Bond, dopo che il Tribunale del Popolo Intermedio di Hangzhou ha notificato agli investitori qualificati l’istanza di registrazione, un totale di 496 investitori qualificati ha effettuato la registrazione online. I quattro rappresentanti del contenzioso eletti congiuntamente erano tutte persone fisiche, di cui due rappresentavano creditori di piccola entità e due rappresentavano grandi creditori. L’implementazione e la pratica del sistema rappresentativo nelle controversie in materia di titoli mostra che i piccoli e medi investitori possono far sentire la propria voce e il costo della giusta protezione è notevolmente ridotto.

[1] Articolo 14 – Il numero degli attori in un rito ordinario è determinato prima della prima udienza presso il Tribunale. Se il numero degli attori è elevato, possono essere selezionati da due a cinque rappresentanti per il procedimento e ciascun rappresentante può affidare uno o due agenti ad litem.

[2] Articolo 54 – I ricorrenti che si sono registrati presso il Tribunale del Popolo possono eleggere un rappresentante per avviare una controversia; se non si raggiunge accordo per l’elezione di tale rappresentante, il Tribunale del Popolo può discutere con i ricorrenti registrati per individuare tale rappresentante.

[3] Articolo 95 – Quando un investitore instaura una causa civile per il risarcimento del danno dovuto a dichiarazione falsa o qualsiasi altra causa, più parti possono agire o essere convenute nello stesso processo, quando tra le cause che si propongono esiste connessione per l’oggetto, un rappresentante può essere selezionato in conformità con la legge.

Per una causa intentata in conformità con il paragrafo precedente, qualora ci siano molti altri investitori coinvolti, il Tribunale del Popolo può pubblicare un annuncio indicando le circostanze del caso della controversia e informare gli investitori di registrarsi presso il Tribunale del Popolo entro un certo periodo. Le sentenze emesse dal Tribunale del Popolo hanno effetto sugli investitori regolarmente registrati.

Se affidata da non meno di 50 investitori, un mandatario per la protezione degli investitori può partecipare al contenzioso in qualità di rappresentante e registrarsi presso un Tribunale del Popolo rappresentando i titolari del diritto confermato dall’istituto di registrazione e compensazione dei titoli in conformità al paragrafo precedente, salvo il caso in cui un investitore ha dichiarato di non essere disposto a partecipare alla causa.

Punto di vista degli intermediari

Per quanto riguarda la responsabilità civile di Debang Securities e PKF Daxin, il Tribunale Intermedia del Popolo di Hangzhou ha ritenuto che Debang Securities, in quanto garante dell’emissione obbligazionaria, non ha informato delle regole del settore per le obbligazioni di collocamento privato, non ha correttamente eseguito le procedure di verifica e non ha efficacemente descritto nel parere di verifica, come questioni importanti, quali fatti avrebbero influito sulla capacità di Wuyang Construction di emettere e rimborsare i debiti. PKF Daxin, in qualità di revisore dell’emissione di obbligazioni, ha riconosciuto la contabilità di Wuyang Construction per la “compensazione” di crediti e debiti, considerato che non erano stati acquisiti elementi probativi adeguati e appropriati e ha emesso una relazione di revisione con giudizio non qualificato per l’annuale rendiconto finanziario di Wuyang Construction dal 2012 al 2014. Una volta appreso che il rapporto di audit è stato utilizzato ai fini dell’emissione di obbligazioni di Wuyang Construction, è stato considerato contenente false informazioni. Pertanto, sia Debang Securities che PKF Daxin non hanno eseguito la prestazione con la dovuta diligenza, agendo con gravi negligenze e si assumeranno la responsabilità in solido per il risarcimento.

Per quanto riguarda le responsabilità civili di Dagong Global e Allbright, il Tribunale Intermedia del Popolo di Hangzhou ha ritenuto che Dagong Global, in qualità di istituto di rating del credito per l’emissione delle obbligazioni, non sia riuscita a verificare ulteriormente e prestare attenzione alle principali questioni che avrebbero influenzato l’emissione di obbligazioni condizioni e capacità e di valutare ragionevolmente il credito. Allbright, in qualità di studio legale per l’emissione delle obbligazioni, non ha prestato attenzione alla verifica dei principali contratti e dei principali cambiamenti nelle attività coinvolte nell’emissione dei pareri legali, non ha condotto un’adeguata due diligence sulla proprietà degli immobili, e non è riuscito ad individuare i rischi legali che avrebbero influito sulla solvibilità di Wuyang Construction. Pertanto, sia Dagong Global che Allbright non hanno eseguito la due diligence e sono responsabili in solido nella misura del 10% e del 5% rispettivamente, ai sensi dei principi di assunzione di responsabilità e del grado di colpa.

La disposizione fondamentale per la decisione del Tribunale è l’art. 163 della nuova Legge sui titoli[1]. PKF Daxin e Allbright, in qualità di istituti di servizi di titoli, si assumono la responsabilità solidale per il risarcimento insieme all’emittente se si verificano registrazioni false, dichiarazioni fuorvianti o omissioni importanti che causano perdite agli investitori e non possono dimostrare la propria esclusione di colpa.

[1] Articolo 163 – Qualsiasi istituto di servizi di commercio di titoli che formuli e produca qualsiasi rapporto di revisione e qualsiasi altro rapporto di autenticazione, valutazione di attività, consulenza finanziaria, rating del credito o parere legale per l’emissione, la quotazione e la negoziazione di titoli deve eseguire la due diligence ed esaminare e verificare l’autenticità, l’accuratezza e la completezza dei contenuti di tutti i documenti allegati. Nel caso in cui qualsiasi falsa informazione o dichiarazione fuorviante o grave omissione da qualsiasi documento formulato e prodotto causi una perdita per qualsiasi altra persona, l’istituto di servizi di negoziazione di valori mobiliari si assume la responsabilità solidale insieme al capitale pertinente, salvo il caso in cui possa dimostrare di aver agito senza colpa.

L’importo massimo delle sanzioni ha raggiunto 1.200 volte quello del reddito degli intermediari. Wuyang Bond Case ha suonato un campanello d’allarme per tutti gli intermediari di servizi di investimenti, concludendosi con una condanna al risarcimento del danno per l’importo piu’ alto registrato sinora, oltre ad essere il primo caso in cui gli intermediari sono stati ritenuti responsabili in solido. D’ora in avanti, per evitare che “una perdita causi eterno rimpianto” una volta che il progetto “esplode”, dovranno prestare particolare attenzione durante la due diligence e fornire pareri oggettivi e imparziali

Conclusione

Per quanto riguarda gli investitori, in particolare i piccoli e medi investitori, hanno ricevuto un sostegno con la promulgazione della nuova Legge sui titoli e le relative interpretazioni giudiziarie e il giudizio di primo grado di Wuyang Bond Case. È ragionevole aspettarsi che i problemi dei piccoli e medi investitori come difficoltà di ricorso, contenzioso, tempi lunghi e costi elevati possano essere efficacemente alleviati dopo che il nuovo sistema di processo rappresentativo dei titoli è stato messo in atto.

Per quanto riguarda gli intermediari dei servizi di investimenti, ad oggi, gli intermediari in causa hanno già presentato ricorso perché insoddisfatti del giudizio di primo grado. Ci sono anche opinioni che supportano gli intermediari e mettono in discussione i risultati del giudizio. Da un lato, gli stessi investitori dovrebbero sopportare parte del rischio, ma il giudizio è essenzialmente un “rimborso rigido mascherato” da parte degli intermediari, che è contro il principio di equità. Dall’altro, la sentenza costringerà gli intermediari ad astenersi dall’impegnarsi nel finanziamento di progetti di imprese private, il che aggraverà ulteriormente l’attuale situazione di difficoltà di finanziamento e costi elevati per le imprese private. Ma qualunque sia l’esito del ricorso, il caso fa sì che la “responsabilità solidale” diventi realmente “la spada di Damocle” che pende sulla testa degli intermediari. Come quanto affermato dal Tribunale Intermedio del Popolo di Hangzhou nella prima sentenza “Che il sabotatore paghi il prezzo del danno, che il ‘portiere’ non osi fingere di dormire, che è l’atteggiamento fondamentale della giustizia giudiziaria nei confronti delle false dichiarazioni nel mercato degli investimenti”.