Alla luce della diffusione di Covid-19 in India, il 24 marzo 2020, il Primo Ministro Indiano, Narendra Modi, ha annunciato un blocco (lockdown) a livello nazionale per un periodo di 21 giorni a partire dalle 00:00 del 25 marzo, 2020. E’ stato un passaggio necessario In un Paese di 1,3 miliardi di persone, in cui centinaia di milioni di cittadini vivono in povertà e innumerevoli milioni vivono in aree urbane in condizioni igienico-sanitarie critiche e di scarsa assistenza sanitaria pubblica. Tuttavia, l’impatto di questo blocco sulle imprese e sull’economia dell’India non può essere ignorato.

Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto alcune importanti domande dai nostri clienti a livello globale in merito alla gestione della propria sede in India durante il lockdown che riportiamo di seguito per i nostri lettori.

 

  1. Tutti gli stabilimenti in India devono essere obbligatoriamente chiusi durante questo blocco?

Sì, tutti gli stabilimenti in India, diversi da quelli impegnati nella produzione di determinati prodotti essenziali (come petrolio, GPL, produzione di energia, apparecchiature mediche) o quelli impegnati nella fornitura di determinati servizi essenziali (come ospedali, negozi di alimentari, sportelli bancomat) devono rimanere chiusi. Tutte le istruzioni di salute e sicurezza prescritte dal governo dovranno essere rigorosamente rispettate dai datori di lavoro degli stabilimenti che operano durante il periodo di blocco.

 

  1. I dipendenti devono essere retribuiti durante il periodo di blocco quando lavorano da casa?

 

Sì, i dipendenti devono ricevere il salario durante il periodo di blocco se lavorano da casa. Il governo centrale dell’India e i ministeri degli Stati dell’India (come Maharashtra e Karnataka) hanno emesso ordini dichiarando che durante questo periodo di blocco i dipendenti saranno considerati in servizio. Il Ministero degli affari interni il 29 marzo 2020, ha emesso una comunicazione che impone ai datori di lavoro di tutti i settori, negozi e stabilimenti di pagare i salari a tutti i lavoratori senza detrazioni, durante il lockdown. Circolari simili sono state emesse da governi statali (come Maharashtra e Karnataka) per non ridurre o interrompere i pagamenti salariali o terminare i contratti di lavoro durante questo periodo di blocco.

 

  1. I lavoratori possono essere invitati a utilizzare le ferie annuali per coprire questo periodo? Una volta esaurito tale congedo, possono essere collocati in congedo non retribuito?

No, i dipendenti hanno il diritto di utilizzare le proprie ferie annuali a propria discrezione, previa approvazione dei propri responsabili (tale approvazione / rifiuto / regolamentazione delle ferie è stabilita nel Manuale Risorse umane di una società e ai sensi del regolamento del lavoro applicabili nel rispettivo stato). I lavoratori possono essere incoraggiati a utilizzare le ferie annuali maturate, tuttavia, non possono essere obbligati a farlo. Inoltre, generalmente secondo la legge indiana, i dipendenti non possono essere costretti a prendere un congedo non retribuito. Pertanto, se il lavoratore non è nella condizione lavorare a causa del lockdown, avrà diritto a ricevere il salario durante quel periodo e non può essere obbligato a utilizzare ferie annuali in questo momento.

 

  1. Se un lavoratore ha contratto il virus Covid-19, il datore di lavoro ha l’obbligo legale di informare le autorità locali?

No, il datore di lavoro non ha l’obbligo legale di comunicarlo. Tuttavia, è buon uso per il datore di lavoro adottare le misure appropriate per garantire la sicurezza degli altri collaboratori e riferire tale caso alle autorità locali.

 

Comprendiamo che questo periodo di blocco può essere finanziariamente impegnativo per la maggior parte dei datori di lavoro. Pertanto, il nostro consiglio è di discutere e negoziare pacificamente con i propri dipendenti in India per concordare per un adeguamento delle ferie annuali per compensare questo periodo di blocco o se acconsentono a una riduzione della retribuzione per questo periodo di tempo. Si prega di tenere presente che una controversia di diritto del lavoro relativa a questo periodo epidemico, se promossa dal lavoratore presso un Tribunale del lavoro in India, dovrà in ogni caso essere decisa a favore del dipendente.

D ‘Andrea and Partners Legal Counsel può contare su un team di esperti per rispondere alle tue domande. Contatta info@dandreapartners.com per qualsiasi domanda o assistenza.