Il Vietnam è una destinazione interessante per gli investitori stranieri con la sua apertura al commercio internazionale e la straordinaria crescita economica chiaramente evidente negli ultimi decenni. Gli investimenti esteri diretti stanno affluendo in Vietnam a seguito di un’accogliente politica di incentivi fiscali e trattamenti preferenziali. Mentre il quadro giuridico è in continua evoluzione e adattamento al rapido sviluppo, il regime fiscale del paese ha visto piccoli cambiamenti nell’ultimo decennio. La riforma della Legge sull’amministrazione fiscale è stata approvata nel giugno 2019 e entrerà in vigore il 1 ° luglio 2020, ad eccezione delle disposizioni relative alle fatture elettroniche e ai documenti elettronici, che entreranno in vigore dal 1 ° luglio 2022.

Non ci sono imposte sul reddito locali, statali o provinciali in Vietnam, tutte le tasse sono imposte a livello nazionale. L’aliquota dell’imposta sul reddito delle società (“CIT”) applicabile alle imprese in Vietnam è del 20% sui redditi valutabili. Tuttavia, ci sono alcune eccezioni per i settori estrattivi di petrolio, gas e altri materiali per cui le aliquote fiscali possono variare dal 32% al 50% a seconda dell’ubicazione e delle condizioni specifiche del progetto. Inoltre, la residenza fiscale non è rilevante per la CIT, il che significa che le imprese costituite secondo le leggi del Vietnam sono soggette alla CIT e tassate sul reddito mondiale.

Gestire un’azienda in Vietnam significa, tra l’altro, rispettare le leggi e le normative in materia contabile e fiscale. E’ opportuno avere chiaramente fissata ogni scadenza fiscale, stabilita in conformità alle normative contabili. L’anno fiscale standard in Vietnam va dal 1 ° gennaio al 31 dicembre. Le società possono scegliere un anno fiscale alternativo, se il periodo termina il 31 marzo, il 30 giugno o il 30 settembre. Le società non sono tenute a presentare le dichiarazioni CIT trimestrali, tuttavia i pagamenti provvisori sono comunque obbligatori e devono essere calcolati e liquidati sulla base della migliore stima.

Il mancato rispetto di una scadenza prestabilita può comportare determinate sanzioni, il cui importo dipende dall’entità del ritardo nel pagamento o nella dichiarazione, comprese tra VND 700.000 e VND 25.000.000 mentre per il mancato pagamento la sanzione è la revoca della licenza commerciale.

L’attrattiva del Vietnam è anche dovuta ai numerosi incentivi fiscali concessi agli investitori, specialmente in settori imprenditoriali incoraggiati come l’high-tech, lo sviluppo di software, l’istruzione, la salute, ma anche sulla base dell’ubicazione e dell’entità dell’investimento. Esistono diverse regioni promosse, in quanto aree con difficili condizioni socio-economiche, ma la maggior parte degli investitori stranieri sceglie di sistemare la propria attività in parchi industriali o zone economiche. Inoltre, ai grandi progetti manifatturieri con un capitale totale di VND 6000 miliardi o superiore, è concesso un trattamento ulteriormente preferenziale.

Gli incentivi possono presentarsi come combinazione di Esenzioni e Tax Holidays. Solitamente sono applicati a partire dal primo anno di profitto positivo e prevedono l’esenzione totale da ogni imposta per un determinato periodo (di solito 2-4 anni), più una riduzione del 50% delle imposte nel periodo di tempo successivo. Queste aliquote preferenziali comportano una ridotta aliquota CIT applicabile compresa tra il 10 e il 17% e possono essere applicate per un periodo dai 10 anni fino a tempo indeterminato, per alcuni progetti. Ad esempio, un’impresa high-tech stabilita in uno apposito parco industriale beneficerà di un’aliquota fiscale preferenziale del 10% per 15 anni, più una Tax Holiday di 4 anni di esenzioni fiscali e una riduzione del 50% per i successivi 9 anni.

Più recentemente, il Vietnam è emerso come uno dei paesi migliori nella gestione della pandemia globale all’inizio di quest’anno, con una risposta rapida ed efficiente e l’implementazione di misure di sicurezza e finanziarie. Mentre l’economia del Vietnam si sta riprendendo, per aiutare ulteriormente le imprese, il 19 giugno l’Assemblea Nazionale ha approvato una riduzione del 30% della CIT per l’esercizio 2020. La riduzione della CIT si applicherà a tutte le società con un fatturato totale inferiore a 200 miliardi di VND (8,8 milioni di USD) per l’anno 2020. Questa disposizione è rivolta a molte piccole e medie imprese, indipendentemente dal numero di dipendenti e dall’effettiva perdita dovuta al COVID-19. La decisione entrerà in vigore entro 45 giorni dall’approvazione e nelle prossime settimane il governo dovrebbe emanare decreti o circolari relativi alle linee guida per l’attuazione della detrazione fiscale.